• 4,99 €

Beschreibung des Verlags

Il caso della Catalogna è diventato forse suo malgrado un simbolo di quest’Europa turbolenta, tra crisi greca, Brexit e ascesa dei populismi. Ma la storia complicata delle pulsioni separatiste catalane non si esaurisce nel respiro corto del presente, né si può ridurre alla versione semplificata che spesso in malafede ne danno le parti in causa. Eduardo Mendoza, catalano illustre e grande romanziere, vincitore nel 2016 del massimo riconoscimento letterario spagnolo, il Premio Cervantes, non ne poteva più delle assurdità, delle mistificazioni e della confusione generale intorno al tema. Così ha scritto questo pamphlet colto e spiazzante, che non si immischia con l’attualità politica e rovescia ogni singolo mito e contromito dell’indipendentismo catalano: dal fantasma sovradimensionato di Francisco Franco al favolistico quadretto della Catalogna rurale, dall’immagine turistica della Barcellona modernista e cosmopolita fino allo spauracchio della democrazia minacciata, agitato sia dai separatisti sia dal governo di Madrid. Che cosa succede in Catalogna nasce da una consapevolezza: se tutto può essere frainteso e manipolato, se ogni traccia storica può ridursi a pezza d’appoggio per una fazione o l’altra, lo scrittore non deve schierarsi ma indurci a riflettere, anche a costo di trovarsi isolato.

«Non ho scritto questo libro per schierarmi con una fazione o con l’altra. Personalmente, non mi piace nessuna delle due, ma questo si può attribuire al mio temperamento, alle mie idee e alla mia esperienza personale. L’ho scritto per cercare di comprendere ciò che sta accadendo.»

GENRE
Politik und Zeitgeschehen
ERSCHIENEN
2018
29. Mai
SPRACHE
IT
Italienisch
UMFANG
96
Seiten
VERLAG
UTET
GRÖSSE
546.4
 kB

Mehr Bücher von Eduardo Mendoza