• 9,99 €

Beschreibung des Verlags

Stéphane Hessel ha attraversato, nella sua esistenza straordinaria, tutte le grandi tappe del Novecento. Tedesco di origini ebraiche, dopo l’ascesa nazista si è trasferito a Parigi, è stato naturalizzato francese e ha preso parte alla resistenza. Arrestato e deportato a Buchenwald, ha conosciuto la sofferenza personale e quella dei popoli, e a guerra finita ha sentito l’obbligo morale di impegnarsi in favore degli altri. Quell’impulso, semplice ma sovversivo, l’ha portato nel cuore della più potente e silenziosa rivoluzione moderna: la diffusione dell’attivismo civile. Come diplomatico Hessel è stato assieme protagonista, testimone privilegiato e simbolo vivente di questo vento progressista. Una fede laica in un mondo migliore, che ha portato cinquant’anni di lotte epocali: la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, i movimenti per la decolonizzazione, le rivendicazioni terzomondiste, lo sviluppo dell’associazionismo e delle Ong, l’attenzione a drammi silenziosi quali quelli dei senzatetto, l’impegno popolare degli appelli, l’ambientalismo e la difesa della pace. Oggi – grazie a questo libro scritto con Jean-Michel Helvig – possiamo ripercorrere l’avventura del Novecento, con le lotte che lo hanno segnato, nel racconto vibrante di una vita vissuta dalla parte giusta.

GENRE
Biografien und Memoiren
ERSCHIENEN
2011
11. Mai
SPRACHE
IT
Italienisch
UMFANG
256
Seiten
VERLAG
Rizzoli
GRÖSSE
1.2
 MB

Mehr Bücher von Stéphane Hessel