• 9,99 €

Description de l’éditeur

Diciassette anni dopo il tradimento ai danni di re Steveren Langene, re di Ithrace, gli altri quattro sovrani di Garn credono di aver ormai sterminato la dinastia dei Chioma di Fuoco. Eppure, il barone Daylon Dumarch riesce a mettere in salvo l’ultimo erede di Langene, anche lui dai capelli rosso fuoco come i suoi antenati, affidandolo alle cure di Coaltachin, la misteriosa Nazione Invisibile controllata dalle migliori spie di Garn. Benché Hatushaly venga addestrato a diventare un letale sicario, l’erede al trono di Ithrace non conosce le proprie origini e sente di non appartenere a quel mondo di criminali senza cuore. Ormai vicino alla maggiore età, il ragazzo scopre di essere molto più di un semplice orfano e di possedere poteri sconosciuti. Il suo destino si incrocia ben presto con quello del pragmatico Declan, allievo di Edvalt Tasman, il precedente armaiolo del barone Dumarch: fuggito dal proprio villaggio a causa dell’instabilità che sta investendo il territorio di Garn, il giovane fabbro si trasferisce nel baronato di Dumarch per mettere su una propria fucina. Tuttavia, Declan custodisce un segreto tramandato da secoli: il giovane è uno dei pochi fabbri a saper lavorare l’acciaio del re, il materiale di cui sono fatte le spade migliori. A causa della folle autorità di re Lodavico di Sandura e della Chiesa dell’Unico, ormai terra di forze sconosciute sulle tracce dell’ultimo Chioma di Fuoco, Garn si prepara lentamente a ospitare un altro sanguinoso conflitto: riconsegnato a Dumarch e accompagnato dall’enigmatica Hava, la ragazza di cui è sempre stato innamorato, Hatushaly dovrà ricostruire la propria identità e capire di chi fidarsi. 

Dopo l’enorme successo della saga di Riftwar, Raymond E. Feist torna con il primo capitolo di un nuovo appassionante ciclo su due giovani eroi le cui gesta determineranno il futuro dei cinque regni.

GENRE
SF et fantasy
SORTIE
2019
31 octobre
LANGUE
IT
Italien
LONGUEUR
603
Pages
ÉDITIONS
Fanucci Editore
TAILLE
1,4
Mo

Plus de livres par Raymond E. Feist