Description de l’éditeur

Racconti di Panicocoli è una raccolta di quarantatré fantasiose  fiabe teatrali ove il nesso logico che li anima , la trama  conferme al  titolo,  risale  all’origine stessa del paese in cui vivo ma soprattutto nasce dal mito  della poesia come rivisitazione in chiave moderna  del mito  di una ipotetica arcadia  moderna ove Pan  il cui nome deriva dal greco paein cioè pascolare era  il Dio pastore , il Dio della campagna  delle selve  e dei pascoli . Egli  metà uomo e metà capro  viveva tra i boschi  ed ammaliava con la sua musica le belle ninfe che porgono orecchio nell’ascoltare il suo canto , il canto del capro  appunto che è l’origine  stessa della tragedia ellenica.  Racconti fiabeschi,  boscherecci direi racconti  metronapolitani nati nella moderna  oscura selva urbana , inseguendo l’improvvisazione  e l’amore dell’arte di narrare , qualcosa di diverso direi quasi  un tentativo di evasione dal male metropolitano  attraverso il mito  di  un dio morto  amante della musica  che per i romani era  chiamato Fauno che rappresentava  una delle più antiche divinità italiche, nonché l'istitutore  dei Lupercali   dedicate al culto iniziatico di Marte Dio della Guerra.  Pan aveva come passatempi la caccia e corteggiare le ninfe. Amava suonare il flauto ed era portatore di istinti sessuali. Il suo aspetto era dalle forme umane ma con le gambe da capra e le corna sul capo. In alcune versioni del mito è identificato con un antico re del Lazio, nipote di Saturno o di Marte, figlio di  Pomona e, secondo l'Eneide, padre di Latino, il quale  dopo la morte - fu venerato sia come protettore di raccolti e armenti sia per le sue facoltà di oracolari (Fatuus).  Per altri sarebbe stato il terzo re preistorico dell'Italia, e avrebbe introdotto nella penisola il culto della divinità e l'agricoltura; dopo la morte gli vennero dedicati molti onori e venne venerato come dio dei boschi, protettore delle greggi e degli armenti. Secondo altre fonti, i Fauni sarebbero stati antichi pastori, abitanti, ai primordi del mondo, nel territorio sul quale verrà fondata Roma[1]. Il dio Fauno era anche chiamato Luperco, in qualità di difensore delle greggi e degli abitanti della campagna dagli assalti dei lupi e lupo egli stesso Lupercus = lupus 

GENRE
Romans et littérature
SORTIE
2018
3 janvier
LANGUE
IT
Italien
LONGUEUR
350
Pages
ÉDITEUR
ITUNES
TAILLE
838.9
Ko

Plus de livres par Domenico de Ferraro