La classe operaia italiana. Con uno scritto sulla lezione della FIAT e un saggio di Giulio Sapelli

    • HUF1,590.00
    • HUF1,590.00

Publisher Description

Uscito nel 1968 e oggi introvabile, La classe operaia italiana di Giorgio Amendola, è, come scrive Giulio Sapelli, un punto di riferimento per chiunque voglia capire la storia del nostro paese e del movimento operaio. La tesi di Amendola partiva da una semplice constatazione: la maggioranza degli operai italiani lavorava in aziende piccole e medie e solo una minoranza nelle grandi fabbriche. Da ciò discendeva una conclusione politica: occorreva ribaltare tutta la linea allora prevalente nei tre grandi sindacati italiani e anche nei partiti della sinistra. Amendola scriveva da capo politico e con un fine politico, avanzando una tesi dirompente che lo isolò all’interno del PCI e che andò dimenticata nella successiva stagione dell’autunno caldo e del terrorismo. 


Insieme a questo saggio presentiamo l’intervento di Amendola del 1979 sull’atteggiamento della classe operaia torinese nei confronti del terrorismo. Sulla lezione della FIAT pubblichiamo anche un saggio coevo di Giulio Sapelli: Grande impresa, comportamenti sociali e sindacato: il caso FIAT


Leggere questo saggio, a mezzo secolo di distanza, mostra come la classe politica italiana dell’epoca riuscisse a comprendere e interpretare il paese reale e a elaborare idee e azioni politiche conseguenti. Una lettura anche di educazione civica.

GENRE
Politics & Current Affairs
RELEASED
2016
26 September
LANGUAGE
IT
Italian
LENGTH
250
Pages
PUBLISHER
GoWare
SIZE
1.8
MB

More Books by Giorgio Amendola & Giulio Sapelli