Per Isabel. Un mandala Per Isabel. Un mandala

Per Isabel. Un mandala

    • 6,99 €

    • 6,99 €

Descrizione dell’editore

In Sogni di sogni Antonio Tabucchi ha parlato di una "ragione pavida", incapace di leggere veramente la realtà. Solo l'apparente indecifrabilità del sogno sa guardare il mistero. La realtà è una superficie piena di buchi, diceva Tabucchi, e ha bisogno di ipotesi oniriche che li riempiano. È quello che accade in questo postumo e bellissimo Per Isabel. Al centro una donna, una donna inquieta e imprevedibile, di cui tutti sanno o sembrano sapere una verità diversa. Come in un mandala, l'autore procede per centri concentrici, di voce in voce, verso la ricerca di una possibile verità, l'ultima verità. E tuttavia, sia pur davanti all'esplicita menzione del termine "verità", non siamo all'interno di una ricerca religiosa o scientifica. Qui si gioca una grande festa della parola e della ricerca letteraria: il monologo lascia il posto al delirio, il delirio alla lucidità del gioco e alla tensione lirica. Come in una pista da circo avanzano figure e volti che fanno ampiamente parte della personale mitologia di Antonio Tabucchi. La sorpresa è che ci troviamo di fronte a un personaggio-calamita che si fa innanzi e sparisce. Chi era Isabel? Una comunista? Una donna di facili costumi? Una clandestina nel regime di Salazar? E quella sua presunta maternità? Ha abortito? E lei, è morta davvero? Di quali fantasmi ha bisogno la realtà per consistere o per moltiplicarsi? Siamo vicini all'atmosfera di Requiem: e anche Requiem aveva un sottotitolo (Un'allucinazione). Là era il sole dei fantasmi meridiani, qui è il crepuscolo di una società (il Portogallo di Salazar) in cui una donna fa scandalo portando un capretto al guinzaglio o riempiendo la borsa a rete di rane vive.

GENERE
Narrativa
NARRATO DA
GC
Gabriele Calindri
LINGUA
IT
Italiano
DURATA
03:36
h min
PUBBLICATO
2019
20 maggio
EDITORE
Storyside
DIMENSIONE
169,5
MB