• 6,99 €

Descrizione dell’editore

Uno Stato rappresenta un monopolio territoriale di coercizione, un organismo con il potere di compiere espropriazioni continue e istituzionalizzate della proprietà e di sfruttare i proprietari privati attraverso tasse e regolamentazioni. Presupponendo che gli agenti del governo curino i propri interessi, è lecito aspettarsi che tutti gli Stati tendano a incrementare questa forma di sfruttamento. Da una parte, questo si traduce in maggiore sfruttamento interno (e tassazione interna); dall’altra, in espansione territoriale (guerre). Gli Stati tenteranno sempre di ampliare lo sfruttamento e la base fiscale, trovandosi così in conflitto con quelli concorrenti.


Queste le tesi radicali del filosofo di origine tedesca Hans-Hermann Hoppe, la cui critica si estende anche alla democrazia come forma istituzionale e alle sue espressioni politiche. Esiste un’alternativa libertaria allo Stato democratico in grado di valorizzare l’individuo e le sue potenzialità. Si tratta di tesi che fanno riflettere anche alla luce della crisi delle democrazie liberali classiche e alla loro difficoltà a trovare delle risposte efficaci ai bisogni delle società contemporanee.


Un ampio apparato di saggi e di contributi aiuta a mettere a fuoco e contestualizzare il pensiero politico di Hoppe nel panorama del dibattito politico e filosofico attuale.

GENERE
Politica e attualità
PUBBLICATO
2018
19 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
249
EDITORE
GoWare, Leonardo Facco editore
DIMENSIONE
2
MB

Altri libri di Hans-Hermann Hoppe