• 4,99 €

Descrizione dell’editore

I Commons sono una delle questioni più importanti all'interno della riflessione legale e politica degli ultimi anni, sono anche un interessante campo di indagine sull'attuale trasformazione del rapporto tra legge e società, soprattutto perché potrebbero introdurre nuove forme di governo.
In Italia, la questione è stata oggetto di un ampio dibattito dottrinale su cui confrontarsi sostenitori e scettici. Accanto a questa vivace disputa hanno sviluppato vari tentativi di regolamentazione dei Commons, accettati come una categoria legale indipendente a vari livelli: legislativo, giudiziario e amministrativo.
Pertanto, a livello puramente ontologico, il tentativo di definire la loro essenza è principalmente orientato alla ricerca di una terza via tra pubblico e privato, dall'altra parte a livello legislativo ha rapidamente stabilito la necessità di un riconoscimento giuridico e istituzionale.
Questa doppia traccia determina che i Commons subiscono una delocalizzazione al di fuori dello spazio e del tempo: in primo luogo, perché sono beni tangibili e intangibili; in secondo luogo, perché la loro identificazione in quanto tale non è definitiva ma soggetta ai loro cambiamenti e, soprattutto, al caso degli scopi e delle funzioni che si decide di privilegiare.

GENERE
Saggistica
PUBBLICATO
2017
28 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
34
EDITORE
Gangemi Editore
DIMENSIONE
1.3
MB

Altri libri di Francesco D'Urso

Altri libri di questa serie