• 4,99 €

Descrizione dell’editore

Pubblicati nel 1947, i «Dialoghi con Leucò» ap­partengono alla singolare categoria dei li­bri tanto famosi – Pavese li volle accanto a sé quando, nella notte fra il 26 e il 27 ago­sto 1950, scelse di morire e vi annotò co­me parole di congedo «Non fate troppi pettegolezzi» – quanto negletti. Il che non stupisce: nella sua opera rappresentano una sorta di ramo a parte e oltretutto per­turbante. Si stenta oggi a crederlo, ma al­l’epoca in Italia il mito godeva di pessima fama, mentre Pavese, sin da quando, nel 1933, aveva letto Frazer, stava scoprendo l’opera di grandi antropologi che in que­gli anni si ponevano il quesito: «Che cos’è il mito?», sulla base di testi sino allora i­gnorati o poco conosciuti. Così era nata, in stretta collaborazione con Ernesto De Martino, la Viola di Einaudi, collana che rimane una gloria dell’editoria italiana. E così nacquero i «Dialoghi con Leucò». Tanto più preziosa sarà oggi, a distanza di più di settant’anni, la lettura di questo libro se si vorrà acquisire una visione stereoscopica del paesaggio in cui è nato, dove non mancarono forti reazioni di ripulsa (per la Vio­la) o di elusiva diffidenza (per i «Dialoghi con Leucò»).

GENERE
Narrativa e letteratura
PUBBLICATO
2021
25 febbraio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
226
EDITORE
Adelphi
DIMENSIONE
1,7
MB

Altri libri di Cesare Pavese