• 6,99 €

Descrizione dell’editore

Mario è un giovane contadino romagnolo, semplice e mite. Non ha sogni né desideri, e accetta con atavica rassegnazione la dura vita di lavoro e fatica che il destino gli ha assegnato. La sua esistenza procede così, nella ciclicità dell’alternarsi delle stagioni.
Al compimento dei diciotto anni Mario riceve la cartolina di leva della Repubblica sociale: è il 1944 e per paura delle armi si sottrae all’arruolamento. Si rifugia prima da alcuni lontani parenti, aiutandoli nei lavori più pesanti in cambio dell’ospitalità. Ma la sua presenza è un pericolo per tutti, così si unisce alla 36a brigata Garibaldi. Lì, per la sua mitezza e la sua semplicità, viene esentato dalle azioni militari; si occupa dei muli e dei cavalli, con i quali solamente sembra a suo agio, e per questo legame con le bestie e per la comica rapidità delle sue fughe terrorizzate nei boschi all’arrivo dei tedeschi, gli viene dato come nome di battaglia Tarzan.
Nonostante i suoi sforzi per nascondersi dalla storia, però, si ritrova in prima linea e per farcela è costretto a contare solamente su Giovanni, suo fratello. Ma Giovanni è più vecchio di quindici anni: i due sono quasi estranei, tanto che Mario lo ha sempre temuto e non sa prevedere come risponderà a una richiesta di aiuto tanto rischiosa.

Con un respiro ampio che dà nell’epico, uno stile potente e asciutto, in grado di rappresentare gesti autentici e dialoghi di poche parole cariche di verità, Cristiano Cavina racconta una storia che si legge d’un fiato, commovente ed emozionante proprio perché priva di qualsiasi idealizzazione, di qualsiasi nostalgia. Soltanto due fratelli davanti al discrimine fra vivere e morire, senza mostri né eroi; soltanto un ragazzo spaventato che cerca di sopravvivere e un uomo costretto a scegliere se rischiare la vita per salvarlo.

GENERE
Fiction e letteratura
PUBBLICATO
2017
18 maggio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
80
EDITORE
Feltrinelli Editore
DIMENSIONE
315.1
KB

Recensioni dei clienti

Just_Davidz ,

noioso

l’ho trovato noioso e senza alcuna spinta a leggerlo

Altri libri di Cristiano Cavina