• 14,99 €

Descrizione dell’editore

Originario di una famiglia di modesti marinai e marinaio lui stesso, Garibaldi è forse l’italiano la cui figura è stata più celebrata e mitizzata all’estero. Ma quanto sappiamo davvero di questo personaggio così fortemente radicato nella storia e al tempo stesso così intriso di leggenda, che scelse fin da giovane di consacrare la propria esistenza alla causa della libertà?
Restituendo appieno il colore, le ansie e le speranze di quel periodo burrascoso e controverso che è stato il nostro Risorgimento, Pierre Milza ripercorre in modo brillante e documentato l’epopea avventurosa e rocambolesca del generale che ebbe come campo di battaglia il mondo e come bandiera la libertà: dall’infanzia nizzarda al «buen retiro» di Caprera, dalle scorribande corsare nel Rio Grande do Sul alle campagne in Uruguay, dall’impresa dei Mille al ferimento in Aspromonte, dalla morte dell’intrepida Anita all’incontro di Teano, da «Roma o morte» a «Obbedisco».
E poi ancora gli amori e gli esili, i rapporti ambigui con Mazzini da una parte e i Savoia dall’altra, il proverbiale disinteresse per il potere e le ricchezze personali, in un libro in cui traspare un grande amore per l’Italia e che l’autore spera possa contribuire a «scacciare lo spettro dell’implosione di una grande nazione che ha dato tanto all’Europa e al mondo». Una nazione che, centocinquant’anni dopo i turbinosi accadimenti che portarono alla sua nascita, si scopre malconcia e sfiduciata, priva di slanci e mai come adesso orfana di eroi.

GENERE
Biografie e memorie
PUBBLICATO
2013
7 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
564
EDITORE
Longanesi
DIMENSIONE
2.7
MB

Altri libri di Pierre Milza