• 5,99 €

Descrizione dell’editore

Un appassionante viaggio attraverso i crimini più efferati di un’isola ricca di fascino e mistero


Attraverso una serie di crimini, questo libro narra i mutamenti di un’isola segnata dal cortocircuito tra arcaismo e modernità. Si comincia dal brigantaggio siciliano – attivo a ridosso del Risorgimento, ma che vede una nuova fiammata nel secondo dopoguerra – per proseguire con i “classici” delitti di mafia, che si ripetono con identici rituali di morte anche nel terzo millennio. E poi quelli che sono stati chiamati i “femminicidi”, omicidi di donne uccise da uomini che dicevano di amarle; ma anche i crimini che hanno avuto come vittime i bambini, spesso da parte di quella stessa mafia che desiderava dipingersi come difensore dei deboli, oppure colpiti proprio dove avrebbero dovuto essere maggiormente protetti: il cosiddetto “nido familiare”.

Sindacalisti e uomini delle istituzioni, politici e intellettuali prestati al giornalismo, persone comuni ed eroi solitari, assassini accanto a esseri umani meravigliosi, che avrebbero meritato più tempo su questa terra: I 100 delitti della Sicilia dà la parola a ciascuno di loro, non per trarne una morale, ma perché ci sono storie che meritano di essere raccontate.

I fatti di sangue che hanno cambiato per sempre il volto del nostro Paese


• I Vespri siciliani

• Il poliziotto Joe Petrosino

• Il bandito Salvatore Giuliano

• La strage di Ciaculli

• Giuseppe Impastato da Cinisi

• Quattro buone ragioni per uccidere Boris Giuliano

• Il comunista Pio La Torre

• Carlo Alberto Dalla Chiesa, il Generale

• Il finanziere Michele Sindona

• Il giudice Rosario Livatino

• L’imprenditore Libero Grassi

• Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

• La storia di Denise

• Il piccolo Loris

Vincenzo Ceruso

Nato a Palermo, dove vive, già docente di Filosofia del diritto e diritti umani a Catania, lavora presso la Consulta delle culture del Comune di Palermo. Ha collaborato con il Centro studi Pedro Arrupe, con il Comitato Addiopizzo e con Amnesty International, e prima ancora, per circa vent’anni, presso la Comunità di Sant’Egidio con minori a rischio devianza. Ha scritto su diverse testate. Con la Newton Compton ha pubblicato Le Sagrestie di Cosa nostra, Uomini contro la mafia, Dizionario mafioso/italiano italiano/mafioso, Il libro che la mafia non ti farebbe mai leggere, I nuovi boss (insieme a Bruno De Stefano e Pietro Comito) e I 100 delitti di Sicilia.

GENERE
Saggistica
PUBBLICATO
2015
26 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
352
EDITORE
Newton Compton editori
DIMENSIONE
1,8
MB

Altri libri di Vincenzo Ceruso