Descrizione dell’editore

Dall'autore della Saga di Nocturnia e dei thriller "Israel" e di "Operazione Fenice", due best seller pubblicati da Newton Compton, ecco un nuovo e sorprendente thriller!

Il trasferimento da New York alla cittadina di Ipswich per il giovane Matthew Cox è una specie di incubo fattosi realtà. L'atmosfera sonnacchiosa della provincia, però, si rivela ben diversa da come si era aspettato. Suo malgrado il ragazzo scoprirà che essa nasconde antichi misterioscuri segreti e un destino che, a sua insaputa, da secoli gli era riservato. Per risolvere gli enigmi che gli si presentano e tentare di scoprire la verità, dovrà capire perchè tutti sembrano sconvolti dal suo arrivo.

Dopo lo stupefacente successo dei cicli Fantasy della Saga di Nocturnia e della Profezia del Ritorno e della trilogia di thriller Nome in codice: Nemmera  che decine di migliaia di lettori hanno scoperto e amato, con "Il crepuscolo di Samhain" l'autore si addentra con successo nei territori del thriller soprannaturale. Una lettura veloce e magnetica, che ti spingerà ogni volta a dire: "ancora una pagina!"

Leggi questo capitolo introduttivo e lasciati catturare!

GENERE
Misteri e gialli
PUBBLICATO
2019
16 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
350
EDITORE
Stefano Lanciotti
DIMENSIONE
3.8
MB

Recensioni dei clienti

Mara75 ,

Attenzione: se lo inizi non riesci a smettere!

Seguo questo autore dalla saga di nocturnia (che consiglio) cosi appena ho visto che aveva scritto un nuovo libro, l ho scaricato subito.
Semplicemente intrigante, avvincente e con quella giusta dose tra il thriller, l horror e il fantasy. Lo consiglio vivamente! Tra l altro ritengo sia una forma di gentilezza ed eleganza rendere gratuite molte parti del libro, cosi in modo da poter testare se piace la storia prima di spenderci i soldi. Davvero complimenti!!
Ps io non ho mai amato il fantasy in genere, ma mr stefano è davvero cosi bravo a scrivere che non lo si può che divorare....

Lino2013lion ,

Coinvolgente

Letto quasi tutto di un fiato.
Ottimo

Altri libri di Stefano Lanciotti