Il malinteso della vittima Il malinteso della vittima

Il malinteso della vittima

Una lettura femminista della cultura punitiva

    • 8,99 €
    • 8,99 €

Descrizione dell’editore

Il termine «sicurezza» si è spogliato, ormai da parecchi anni, delle caratteristiche sociali cui era legato (lavoro, salute, diritti): oggi ci si sente al sicuro con condizioni che ci proteggono individualmente dal rischio di diventare «vittime» di comportamenti dannosi. Da qui l’assunto che tutte e tutti siamo vittime potenziali; quindi fenomeni sociali complessi vengono governati con il codice penale e, di fatto, si criminalizza la povertà, la marginalità sociale, l’immigrazione.
Ma com’è successo tutto questo? E soprattutto, com’è successo che a questa deriva securitaria aderiscano «movimenti politici il cui obiettivo è la libertà dallo sfruttamento, dall’oppressione, dalla violenza dei gruppi di cui si fanno portavoce? Perché, in particolare, questo succede in un movimento come quello femminista, che è ri-nato (in Italia, ma non solo) contro la rappresentanza (ognuna parla per sé, a partire da sé), nel contesto delle spinte antiautoritarie degli anni Sessanta?».

GENERE
Saggistica
PUBBLICATO
2022
5 settembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
106
EDITORE
Edizioni Gruppo Abele
DIMENSIONE
2,3
MB

Altri libri di Tamar Pitch

Contro il decoro Contro il decoro
2013
Limited Responsibilities Limited Responsibilities
2005
Para Luigi Ferrajoli Para Luigi Ferrajoli
2021
Pervasive Prevention Pervasive Prevention
2016