Il re degli anabattisti

Storia di una follia collettiva

    • 9,99 €
    • 9,99 €

Descrizione dell’editore

Nel 1534, nella città tedesca di Münster (Vestfalia), l’eresia anabattista prende il potere: prima invoca il ritorno alla purezza della religione cristiana, poi tenta di tornare allo stato edenico attraverso un riordino sociale. Sulla base delle Scritture, gli anabattisti suddividono la città in parti, cambiano nome alle strade, proibiscono la proprietà privata ed eleggono un profeta, Jan Matthys, alla cui morte succede Jan Bockelson di Leida, che in breve diventa re di Münster. Il suo regno, che durerà un anno e mezzo, sarà contraddistinto dal sangue e dalla follia: lussuria sfrenata, abusi di ogni tipo, poligamia obbligatoria (pena la morte se le donne rifiutavano), isteria collettiva, eliminazione delle “bocche inutili”, esecuzioni sommarie e quotidiane sulla base di un semplice sospetto. Reck-Malleczewen ricostruisce questa pagina nerissima della Riforma protestante e la legge come il primo grande esperimento di trasformazione sociale rivoluzionaria compiuto in Occidente.

GENERE
Storia
PUBBLICATO
2020
18 febbraio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
192
EDITORE
Fede & Cultura
DIMENSIONE
2,1
MB

Altri libri di Friedrich Reck-Malleczewen

2021
2017
2017