• 4,99 €

Descrizione dell’editore

Da Augusto a Marco Aurelio: quando l’impero raggiunge il massimo splendore


Come si fa a stabilire qual è il secolo d’oro dell’antica Roma? Ci fu davvero un secolo d’oro? Quello che è certo è che si può parlare di un’epoca di oltre un secolo e mezzo piena di eventi che hanno portato Roma all’acme della sua potenza per poi dare inizio a un fisiologico e inesorabile declino. Questo libro si propone di analizzare il periodo che va dal principato di Augusto fi no alla morte di Marco Aurelio per capire come è cambiata Roma in quegli anni e perché. Ogni imperatore ha contribuito a plasmare l’impero romano ma anche a favorirne il crepuscolo, ecco perché non bisogna accontentarsi di un elenco di dati biografi ci ma è necessario procedere con un’analisi dell’operato di ognuno da un punto di vista militare e legislativo. Solo considerando questi aspetti in quell’arco di tempo, infatti, sarà possibile farsi un’idea della grandezza di una civiltà che ha saputo influenzare in modo così incisivo le sorti della storia.

L’antefatto

Una Roma di marmo

Due mostri al comando?

L’impero si consolida: la morte della repubblica

Un imperatore poco aristocratico

Caino e Abele

L’impero raggiunge la massima estensione

Il mezzo secolo d’oro

L’inizio della fine

Sara Prossomariti

È nata nel 1984 e vive e lavora a Mondragone. Laureata in Storia e Archeologia, ha collaborato con la rivista «Civiltà Aurunca». Opera come volontaria presso il Gruppo Archeologico Napoletano da più di dieci anni e ha partecipato a diversi scavi archeologici in Grecia e in Italia. Guida turistica autorizzata della Campania, per la Newton Compton ha pubblicato I personaggi più malvagi dell’antica Roma, I signori di Napoli, Un giorno a Roma con gli imperatori, I grandi personaggi del Rinascimento, Il secolo d'oro dell'antica Grecia e, con Andrea Frediani, Le grandi famiglie di Roma antica.

GENERE
Storia
PUBBLICATO
2019
26 settembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
471
EDITORE
Newton Compton editori
DIMENSIONE
3.6
MB

Altri libri di Sara Prossomariti