• 9,99 €

Descrizione dell’editore

Il 1° settembre 1939, varcando il confine polacco, la Germania di Hitler iniziò a dispiegare in tutta la sua devastante potenza la macchina bellica che aveva allestito con una feroce politica di corsa al riarmo e ad attuare - in nome della pretesa superiorità della «razza ariana» - l'aberrante progetto di sterminare milioni di esseri umani, innanzitutto gli ebrei. Nel capitolo conclusivo della trilogia dedicata all'ascesa e al declino del Terzo Reich, Richard J. Evans affronta gli anni cruciali che vanno dal 1939 al 1945. Alla luce di un'imponente mole documentaria - carte ufficiali, ma anche e soprattutto private (pagine di diario, lettere di soldati al fronte, memoriali di sopravvissuti ai lager) - l'autore rivisita le fasi salienti del conflitto attraverso le parole di chi, per scelta o per costrizione, di quegli eventi fu testimone oculare: dalle iniziali vittorie lampo dell¿esercito tedesco alla guerra aerea contro la Gran Bretagna e all'invasione del'Unione Sovietica, dalla disfatta della Wehrmacht a Mosca e a Stalingrado alla progressiva ma inesorabile ritirata delle truppe del Führer da tutti i fronti e all'insensata ecatombe della battaglia di Berlino. A rendere l'opera di Evans un unicum nella sterminata letteratura sulla seconda guerra mondiale è la sua capacità -frutto di una felice sintesi fra rigore storico e talento narrativo - di ricreare le atmosfere quotidiane di uno dei periodi più bui della storia umana: quello in cui un intero popolo ha aderito, con convinzione ed entusiasmo, a un'ideologia votata al sopruso e alla violenza, che avrebbe trascinato nel baratro l'Europa e il mondo. Così, via via che il racconto di quegli anni procede in tutta la sua drammaticità, sempre più chiara appare la vera natura del Terzo Reich: non l'ennesima incarnazione del male assoluto, partorita dalle menti criminali di un folle e del suo manipolo di seguaci, ma l'espressione della volontà di potenza di una «comunità di popolo» concreta e coesa, che, come scrive Evans, «evoca nella forma più acuta le potenzialità e i frutti dell¿odio e della distruttività che albergano dentro ciascuno di noi». E che nessuna civiltà è finora riuscita a sradicare

GENERE
Storia
PUBBLICATO
2014
8 aprile
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
840
EDITORE
Mondadori
DIMENSIONE
10.2
MB

Recensioni dei clienti

AlexBoooo ,

Bel libro

Molto interessante e di agevole lettura. Non mancherò di leggere i primi due volumi.

Darch76 ,

Il terzo Reich sviscerato

Capitolo finale di una trilogia sul nazismo dettagliata e capillare. Non molto accessibile al lettore che non conosce già la storia del nazismo, fondamentale invece per un cultore della materia. Personalmente ho trovato il primo libro della trilogia il migliore.

Altri libri di Richard J. Evans