• 3,99 €

Descrizione dell’editore

Estratto del libro Infrastrutture verdi e partecipazione socialeCapitolo II - Pianificazione della città e ingegneria naturalistica - La funzionalità sostenibile per la Città- Connessioni pratiche per un Social Green Planning del paesaggio urbano- Infrastrutture verdi e ingegneria naturalistica per la Città- Dodecalogo dell’ingegneria naturalistica per la Città- Gestione della difesa idrogeologica urbana ed energia dell’ambiente Un manifesto al ‘diritto collettivo al territorio’ che è poi – nell’accezione della Convenzione Europea del Paesaggio – un diritto collettivo al Paesaggio, alla sua qualità e alla sua vivibilità. Anche un atlante prezioso per chi si occupa di progetto e di quel progetto di paesaggio che è fondamentalmente un progetto di relazioni, materiali e immateriali, ‘toccate’ e ‘sentite’: sulle sue ‘mappe’ è possibile muoversi liberamente, scegliendo di ricombinare gli itinerari e includendo di volta in volta nuove tappe, che corrispondono a nuove conoscenze e a nuove competenze disciplinari attraverso le quali rivedere i termini tradizionali del progetto del territorio. Spicca la progettazione bio-ispirata che mette in campo il dato sensibile ed emozionale, la drammaturgia e la neuroscienza, la percezione del presente della popolazione e dei suoi bisogni anche in funzione della storia, per consentire al fruitore di appropriarsi dei luoghi evitando spaesamento e incertezze. E ancora si fa largo l’importanza dell’ingegneria naturalistica che, con un approccio ecosistemico ispirato dai principi di ‘funzionalità sostenibile’, mira a preservare la biodiversità e i processi ecologici di tutti i contesti territoriali, e non solo di quelli protetti.

GENERE
Arte e intrattenimento
PUBBLICATO
2017
29 marzo
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
10
EDITORE
Libellula Edizioni
DIMENSIONE
4.3
MB