Lévi-Strauss e la catastrofe Lévi-Strauss e la catastrofe

Lévi-Strauss e la catastrofe

Nulla è perduto, possiamo riprenderci tutto

    • 6,99 €
    • 6,99 €

Descrizione dell’editore

Viviamo in un “tempo di catastrofi” che il progresso tecnologico non sembra più in grado di contrastare. Ma le recenti crisi ecologiche (da Chernobyl al “morbo della mucca pazza”) non sono forse legate ad altri eventi che hanno segnato per sempre il destino dell’umanità – come i genocidi seguiti alla conquista dell’America o la Shoah? Il libro risponde a questa domanda, attraverso una lettura originale dell’opera di Claude Lévi-Strauss. Tracciando un ritratto inedito dell’antropologo francese, Salvatore D’Onofrio mostra come le idee di questo intellettuale ribelle e non consensuale forniscano le chiavi per pensare sia l’avvento della catastrofe sia la possibilità di uscirne. Vero e proprio manifesto antropo-ecologico, questo libro si propone di considerare l’urgenza di un nuovo rapporto degli uomini con la natura, quindi tra di loro. Questo è ciò che Lévi-Strauss aveva imparato dagli amerindiani del Brasile e di cui l’umanità ha grande bisogno.

GENERE
Saggistica
PUBBLICATO
2019
14 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
108
EDITORE
Mimesis Edizioni
DIMENSIONE
3,8
MB

Altri libri di Salvatore D'Onofrio

La vergine senza età La vergine senza età
2020
Cahier de L'Herne N°124 : Françoise Héritier Cahier de L'Herne N°124 : Françoise Héritier
2018
Le ferment divin Le ferment divin
2014
L'esprit de la parenté L'esprit de la parenté
2013