La grafia dell'amore e dell'odio ed altri metodi di conoscenza dell'essere umano

Parte IV. Grafica automatica: fenomeno parapsicologico?

    • 3,49 €
    • 3,49 €

Descrizione dell’editore

Grafica automatica: fenomeno parapsicologico?

Trarre conclusioni potrebbe apparire troppo presuntuoso, specialmente accettando l’ipotesi che la scrittura automatica sia un fenomeno paranormale (nello spiritismo, è anche definita scrittura medianica, o scrittura spiritica), ossia dando per vera la possibilità che sia il prodotto di una comunicazione con l’aldilà o un’altra dimensione. Possiamo parlare di certezze? Sembra piuttosto di lanciarsi dall’alto senza il paracadute della scientificità. A volte, però,  occorre vagliare tutte le possibilità e non scartare neanche ciò che non è confortato dalla scienza.
Nell’ambiente dello spiritismo, partendo da Allan Kardec[1], considerato il padre dello spiritismo francese, nel 1861, fu ufficializzato l’uso della scrittura automatica, presentandolo (se vogliamo, a ragione, ammettendolo per autentico), come il mezzo più semplice e più completo per stabilire delle relazioni con gli spiriti. Nell’ambito del periodo storico e dei nuovi studi sull’inconscio e delle varie teorie psicanalitiche, la grafica automatica venne in seguito osservata con sospetto, presentata, piuttosto che come un ponte con l’aldilà, quale forma di dissociazione della personalità e dialogo con il proprio inconscio nascosto. Fatto sta che ha offerto pace e sollievo a tanti che hanno perduto un loro caro.
[1] Allan Kardec (3 ottobre 1804, Lione, Francia; 31 marzo 1869, Parigi, Francia), pseudonimo di Hippolyte Léon Denizard Rivail, è stato un pedagogista e filosofo francese conosciuto per essere stato il fondatore e codificatore dello spiritismo, dottrina filosofica di cui fu il principale divulgatore a livello mondiale.

GENERE
Salute, mente e corpo
PUBBLICATO
2020
5 dicembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
68
EDITORE
Accademia dei Parmenidei
DIMENSIONE
11,2
MB

Altri libri di Bianca Fasano

2019
2016
2022
2014
2021
2021