• 6,99 €

Descrizione dell’editore

Nel 1936, durante i giochi olimpici di Berlino, Hitler dichiarò che “la città va ripulita”. Arrivarono subito anche per gli zingari, come per gli ebrei e gli omosessuali, i campi di concentramento. Otto Rosenberg era un sinto, unico sopravvissuto della sua famiglia. Dopo anni di silenzio, raccontò la sua storia e qualcuno la trascrisse. È l’unica testimonianza fino ad ora raccolta sullo sterminio degli zingari nei campi di concentramento.

GENERE
Biografie e memorie
PUBBLICATO
2016
25 gennaio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
165
EDITORE
Edizioni la meridiana
DIMENSIONE
1.2
MB