La municipalizzazione del pane a Palermo nei secoli XVII e XVIII

    • 1,99 €
    • 1,99 €

Descrizione dell’editore

Studiando la situazione del capoluogo siciliano sotto l’amministrazione spagnola, in questo suo scritto del 1902 intitolato La municipalizzazione del pane a Palermo nei secoli XVII e XVIII Gaetano Mosca unisce in un’unica lettura questioni di carattere economico e istituzionale. Il contesto è quello della decadenza di una società irrigidita da privilegi e blocchi sociali, all’interno della quale si decide addirittura di introdurre un monopolio della vendita del pane da parte del comune di Palermo. Ne risultò, in prima battuta, un prezzo sottratto per scelta politica a ogni rincaro e, in un secondo tempo, un debito fuori controllo che obbligò a innalzare il prezzo, causando la rivolta popolare del 1647. L’analisi di Mosca è primariamente storica e istituzionale, e mostra come egli avesse assai chiare le ragioni di fondo dell’economia liberale.


Gaetano Mosca (1858-1941) è stato uno dei padri fondatori della scienza politica. A lui si deve la teoria della classe politica, che influenzerà in maniera decisiva diversi studiosi, fra cui Joseph Schumpeter, Seymour M. Lipset e Charles Wright Mills. Al centro della sua riflessione c’è la tesi che ogni piccolo gruppo organizzato è sempre in grado di opporsi a masse disorganizzate. Tra le sue opere maggiori vanno ricordate Sulla teorica dei governi e sul governo parlamentare (1884), gli Elementi di scienza politica (1896) e la Storia delle dottrine politiche (1936).

GENERE
Saggistica
PUBBLICATO
2013
27 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
64
EDITORE
IBL Libri
DIMENSIONE
195,2
KB

Altri libri di Gaetano Mosca

2018
2015
2015
1965

Altri libri di questa serie

2013
2013
2015
2015
2015
2015