• 7,99 €

Descrizione dell’editore

“Viviamo in una particolare fase storica nella quale la stessa libertà suscita costrizioni”

“Il capolavoro di Byung-Chul Han”
Slavoj Žižek


“La società della stanchezza ha sollevato molti interrogativi sul modo in cui oggi gli individui vivono la competizione”
Antonio Gnoli, La Repubblica


Rivisitando alcune categorie classiche del pensiero novecentesco, il lavoro di Byung-Chul Han si focalizza con particolare attenzione sul disagio dell’individuo tardo-moderno nella società odierna, caratterizzata dalla prestazione, dalla competizione e, soprattutto, dall’appiattimento delle contraddizioni e dal venir meno della negatività. Le analisi sviluppate nei saggi qui raccolti mettono in luce, nello specifico, come l’ossessione dell’iperattività e la tendenza sempre piú forte al multitasking arrivino a produrre disturbi di natura depressiva e nevrotica. Tali espressioni di malessere e di “stanchezza” vengono interpretate come ovvia conseguenza dell’incapacità del soggetto di sostenere i ritmi dell’iperproduzione postcapitalistica in un contesto in cui non esiste piú un modello sociale imposto dall’Esterno, dall’Altro, ma è anzi il soggetto stesso ad averlo introiettato.Questa nuova edizione di uno dei libri piú noti del filosofo è stata arricchita con l’inserimento di un saggio sul burnout, che Han legge come coincidenza massima di autorealizzazione e autodistruzione, e di un saggio sul tempo, in cui contrappone al tempo profano dell’iperproduzione quello – sacro – della festa e del gioco.

GENERE
Professionali e tecnici
PUBBLICATO
2020
4 giugno
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
132
EDITORE
Nottetempo
DIMENSIONE
773,5
KB

Altri libri di Byung-Chul Han