• 16,99 €

Descrizione dell’editore

Allen Ginsberg disse una volta, usando un’immagine biblica, che Dylan era una colonna di respiro: tutt’uno con la sua ispirazione. Dylan è la sua opera: ogni parola, ogni gesto, ogni momento della sua giornata entra a farne parte. Persino i mozziconi che butta a terra hanno un significato per chi rimane soggiogato da lui. È la stessa ispirazione di Rimbaud, una forza del demonico potenzialmente distruttiva. Eppure Dylan è riuscito a contenerla, rifiutando di farsi divorare dalla sua duplice natura. Per questo non ha mai fatto parte facilmente di alcun canone e, quando nel 2016 ci è entrato per la porta principale, ricevendo il Nobel per la Letteratura, al momento non si è presentato, ha aspettato mesi. Dylan è un problema ancora aperto; perciò è un classico.
Forse è per questo che la sua voce è stata capace di attraversare i decenni turbolenti e velocissimi della storia americana, fino a oggi, costruendo un racconto che in sé contiene un’intera nazione di artisti: il moralista misantropo, il rivoluzionario conservatore, lo gnostico innamorato della creazione, il profeta di mutamenti e il talmudista di sventure. L’opera e la vita di Dylan sono un racconto che spalanca l’America mostrandone tutte le anime, spesso in lotta feroce tra loro. Soprattutto negli ultimi vent’anni, epoca di guerre, attentati e violenze, ma anche di metamorfosi. In un’edizione profondamente rinnovata, il grande ritratto che Alessandro Carrera ha composto di Bob Dylan ritorna e, attraverso l’indagine della sua voce, della terra americana restituisce tutte le contraddizioni e le ombre, i miti e le scintille.

“Per Dylan il tempo non esiste, tutto è compresente.”

L’America raccontata dal suo più grande poeta contemporaneo.

GENERE
Biografie e memorie
PUBBLICATO
2021
20 maggio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
528
EDITORE
Feltrinelli Editore
DIMENSIONE
2,2
MB

Altri libri di Alessandro Carrera

2005
2017
2021
2021
2017
2021