• 6,99 €

Descrizione dell’editore

Il settore dei trasporti è caratterizzato da un intervento e da una spesa pubblica rilevanti. La necessità dell’intervento dello Stato in tale ambito è generalmente data per scontata; spesso ritenuta inevitabile alla luce di obsolete convinzioni, mai riviste nonostante i radicali cambiamenti sociali e tecnologici sopravvenuti. Ma è davvero tanto indispensabile l'intervento dello Stato? E, se sì, è bene che avvenga con i margini di discrezionalità correnti? Questo libro mostra come la necessità dell’intervento dello Stato non sia affatto ovvia e debba essere invece sempre provata. Se si ricorre al settore pubblico, peraltro, è necessario che la sua azione sia vincolata da regole, e non caratterizzata dalla piena discrezionalità. Se l’azione pubblica è del tutto imprevedibile, anche investitori e cittadini agiranno in condizioni di costante incertezza e faranno a loro volta scelte sbagliate.


Marco Ponti è stato professore ordinario di Economia applicata al Politecnico di Milano dove tuttora insegna; Stefano Moroni insegna Teorie della pianificazione ed Etica ambientale presso il Politecnico di Milano; Francesco Ramella insegna Trasporti e logistica all’Università di Torino.

GENERE
Politica e attualità
PUBBLICATO
2015
24 settembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
122
EDITORE
IBL Libri
DIMENSIONE
993.3
KB

Altri libri di Marco Ponti, Stefano Moroni, Francesco Ramella & Carlo Cottarelli