• 4,99 €

Descrizione dell’editore

Come l’omologo personaggio inventato da Villaggio, il Ragionier Ugo Fantozzi, anche il nuovo personaggio Pino Fantocci è uno di noi. Tutti nella vita abbiamo vissuto esperienze “fantocciane” (o “fantozziane”, come inserito in web e in enciclopedie varie), ma Fantocci sa districarsi pur rimanendo sempre uno sfigato. Eh si, Pino Fantocci è decisamente uno sfigato. Gliene capitano di tutti i colori, e alcune vicende sono veramente capitate, non solo a lui ma anche all’autore. Ma diversamente dal ragionier Ugo dei film, Fantocci reagisce, si inventa cose nuove, insomma si dà da fare attivamente e riesce a riscattarsi. Per sua decisione, e dietro a quella di diversi personaggi, la moglie in primis (che non è mai maltrattata come invece avviene nei film di Fantozzi, ma che lo lascerà per un periodo quando entrerà in Politica), opera di “sua scelta”: è dunque questa una differenza fondamentale rispetto all’altro personaggio. Inoltre Fantocci non è un ragioniere e non lavora come il vero Fantozzi, ma proviene da un ambiente più colto, più attivo, più dinamico. Quindi cerca di reagire e si affida alla cultura e al fiuto, che lo aiutano in molti casi; ma dalla Politica no, non ne uscirà bene, quella sarà la sua Caporetto; ma ritroverà la vita vera a contatto con persone vere, sebbene duramente colpite dalla vita, che lo aiuteranno a ritrovarsi e gli faranno comprendere il senso vero dell'esistenza.

GENERE
Narrativa e letteratura
PUBBLICATO
2020
11 maggio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
196
EDITORE
Bertoni editore
DIMENSIONE
178.5
KB