• 10,99 €

Descrizione dell’editore

In un paese come il nostro si è soliti pensare che non vi sia alcun controllo, che ognuno possa scrivere ciò che vuole, senza rischiare severe sanzioni, come nelle democrazie più serie, né la vita o il carcere, come nei paesi a democrazia sospesa. Eppure anche qui da noi la vita può essere dura per coloro che non hanno un padrone e rispondono solo al lettore.

Basata unicamente su notizie «ufficiali», provenienti dalle fonti istituzionali o dai diretti interessati, l’informazione sarebbe indenne da ogni rischio. Per fare davvero il proprio mestiere, il giornalista deve invece trasformarsi in un bravo segugio, che va a cercare le notizie, districandosi fra regole e limiti tesi a bilanciare
il diritto di informazione con altri diritti
e interessi quali la reputazione, la privacy, il buon costume. Innumerevoli casi di cronaca ci ripropongono continuamente la tensione tra ciò che può e non può essere detto o scritto, tra ciò che è corretta informazione e ciò che è insinuazione o diffamazione, tra ciò che
è giornalismo e ciò che è puro gossip.
Le norme in materia sono complesse
e di difficile interpretazione: di fatto è sempre più difficile far bene il giornalista senza finire sotto processo.

GENERE
Professionali e tecnici
PUBBLICATO
2012
4 ottobre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
184
EDITORE
Società editrice il Mulino, Spa
DIMENSIONE
849.1
KB