• 12,99 €

Descrizione dell’editore

“Alla svolta dell’8 settembre, gli italiani vedono abbandonata in strada una divisa che è unica, anche se ha gli stessi colori e la stessa foggia di quella dei militari che se ne disfano per tornare a casa nel caos della mancanza di ordini. È una divisa che ripete e incorpora tutte le divise dell’esercito italiano e che dà a esse il senso e la forza della sovranità statale. È la divisa del ‘re-soldato’, che viene simbolicamente gettata sulla via Tiburtina dal finestrino della Fiat 2800 in precipitosa fuga verso l’Adriatico. Simbolicamente, perché il re continua a indossarla anche a Brindisi. Ma a quel punto non è più la stessa divisa: la divisa del re che fugge ha preso per sempre il posto di quella del re che combatte.”



Alla fine della guerra, quando l’Assemblea costituente si insediò per lavorare alla stesura della Costituzione, dominavano le tre grandi formazioni dei rappresentanti della Democrazia cristiana, del Partito socialista e del Partito comunista. Se però si cerca di misurare l’eredità della Resistenza nella Costituzione solo attraverso le lenti dei grandi partiti, il rischio è di dimenticare l’esperienza costituente delle bande partigiane. La Resistenza, sin dai suoi inizi, è anche una guerra per la sovranità, combattuta da ciascun partigiano per evitare che il vuoto di potere lasciato dall’8 settembre venga occupato dalla Germania nazista.

Con l’aiuto di un archivio straordinario di memorie e testimonianze, Giuseppe Filippetta racconta le avventure e le peripezie di chi, tra l’8 settembre 1943 e il 25 aprile 1945, costruì con coraggio, sofferenza e magari anche un po’ di ingenuità le fondamenta di uno stato non più fascista.

GENERE
Storia
PUBBLICATO
2018
22 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
304
EDITORE
Feltrinelli Editore
DIMENSIONE
1.5
MB