• 6,99 €

Descrizione dell’editore

Quando una malattia incurabile si porta via il compagno di una vita, si vive il tempo del lutto. Ma anche questo passa, e resta l’assenza a decantare i ricordi e a definire il perimetro incerto di una solitudine che attraversa il corpo e le emozioni, con il suo peso quasi intollerabile. La scomparsa di chi si è amato dona sensazioni diverse e inquietanti, compresa la certezza che a perdersi è anche quella parte di sé che era l’oggetto dei pensieri dell’altro.
Una certezza che sgomenta, una sorta di fibrillazione interiore che torna a farsi sentire a ogni passo e che fa capire quanto sia difficile dire veramente addio. Elena Loewenthal racconta questa sua esperienza personale, con la misura e l’appassionata esattezza della sua scrittura.
Di fronte a un mondo che sembra procedere come prima, indaga i legami, le fratture, scopre la grammatica di un’eternità che sono i rimasti a dover imparare, cambiando anche, a poco a poco, se stessi, rieducandosi a un nuovo modo di esistere, teso in una incessante dialettica fra il passato e il presente.
Forse è questo cambiamento l’unico ed estremo atto d’amore, che la scrittura sa restituire nella sua purezza liberatoria.

GENERE
Biografie e memorie
PUBBLICATO
2015
7 maggio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
128
EDITORE
Bompiani
DIMENSIONE
2.2
MB

Altri libri di Elena Loewenthal