Descrizione dell’editore

L'occhio è lo specchio dell'anima è un libro, una riflessione, uno studio in cui il dato scientifico diviene parte di un tessuto più vasto, talvolta romanzato, nel quale invito te, lettore, a cogliere senza ripensamenti quest'occasione unica di evasione.
Al fine di compiere questo viaggio non ti è richiesta alcuna preparazione culturale, il tragitto stesso ti porterà a smarrirti tra le righe fitte di innumerevoli libri di storia dell'arte, storia, trattati della pittura, taccuini colmi di annotazioni e disegni affascinanti.
E se Leonardo avesse avuto un'amante-aiutante che lo ha seguito per tutta la sua vita, lungo tutta la sua carriera artistica? È questa la felice intuizione di Arianna Bavuso, che decide di fingersi apprendista e compagna, critica artistica e amica fedele, di uno dei più grandi personaggi della storia dell'arte. Così nasce questo vivace racconto: quello di una tecnica artistica che si fa persona, di un mito che diventa realtà, di un quadro che viene rappresentato nel suo nascere e crescere. Dalla bottega del Verrocchio agli studi anatomici, dalla Gioconda alla Dama con l'ermellino, L'occhio è lo specchio dell'anima rappresenta un'originale idea di cosa sia stato Leonardo, come uomo e come artista.

Arianna Bavuso è nata a Monza nel maggio del 1991. Ha frequentato un liceo artistico sperimentale con indirizzo architettonico, diplomandosi al Liceo Artistico "Preziosissimo Sangue". Studia alla Facoltà di Scienze dell'Architettura del Politecnico di Milano.

GENERE
Narrativa e letteratura
PUBBLICATO
2013
18 marzo
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
56
EDITORE
Filippo Daelli
DIMENSIONE
6.9
MB

Recensioni dei clienti

Pakèro ,

Carino

Affascinante!

Luisotta1973 ,

Un tocco di cultura

Il mio mito e Leonardo Da Vinci quindi leggere questo libro è stato proprio un viaggio nel passato. Bello peccato troppo breve

Pennino1 ,

Ben fatto!

Raccontare la grandiosità del genio di Leonardo attraverso la testimonianza della sua assistente-amante il cui "occhio" ammirato, innamorato, incantato, a volte critico o perplesso, ed a volte travolto dalla furia del Maestro, trasforma una "lezione" in una lettura piacevole e ben articolata, mai noiosa né ridondante, ma scorrevole ed interessante. Felice intuizione considerando anche la giovane età dell'autrice!