• 6,99 €

Descrizione dell’editore

Irene vuole essere felice, e quando il suo matrimonio inizia a zoppicare se ne va. Nicola è solo, confusamente addolorato dalla morte di una donna che aveva smesso di amare da tempo. Anche lui, come Irene, è mosso da un'assoluta urgenza di felicità. Anche lui vuole un amore e sa esattamente come vuole che sia fatto.
Sarebbero destinati a una grande storia, se solo s'incontrassero una volta nel bistrot che frequentano entrambi. Ma il caso vuole che ogni volta che Nicola arriva, Irene sia appena andata via.
Se le vite di Nicola e Irene non s'incontrano fino alla fine, le loro teste invece s'incontrano furiosamente nelle pagine di questo libro: i pensieri, le derive, il sentire - quell'impasto inconfondibile di toni alti e bassi, riflessivi e comici - si richiamano di continuo, sono ponti gettati verso il nulla o verso l'altro. Forse, verso l'attimo imprevisto in cui la felicità finalmente abbocca: perché se lo lasci passare, quell'attimo, te ne vai con la curiosa ma lucida impressione d'esserti appena giocato la vita.

GENERE
Narrativa e letteratura
PUBBLICATO
2013
2 gennaio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
104
EDITORE
Einaudi
DIMENSIONE
416,7
KB

Recensioni dei clienti

Fax60 ,

Sliding doors

Viaggio nell'intimo dell'amore in un labirinto di combinazioni dove, alla fine, si trova quella vincente.
Come tutti i sentimenti e i valori più importanti, a volte , le migliori amicizie, le felicita' più semplici e gli amori più grandi si trovano vicino a noi, magari nel bistrot sotto casa.
Grande De Silva, apprezzo Mailnconico, e anche se cambiano i personaggi, lo stile e' sempre acuto e originale.

Culettoarancione ,

Mancarsi

Libro fantastico, lo consiglio sempre a tutti. Leggetelo assolutamente.

Franco, oh Franco! ,

Peccato

Spunto interessante, che si riduce a un libretto di poche pagine, fitte di parentesi inutili, che lo rendono illeggibile. Autore compiaciuto del suo talento e soprattutto del suo successo. Ci faranno un filmetto, per far lavorare qualche attore raccomandato.

Altri libri di Diego De Silva