• 7,99 €

Descrizione dell’editore

Dopo tante battaglie e peripezie Seija, l'E­roina di Etten, è finalmente riuscita a fuggire dal castello di Raivo, l'umano convertito alla causa dei demoniaci vaivar, che tanta morte e distruzione ha seminato sul suo cammino. Eppure qualcosa in lei è cambiato per sempre. Conosce il motivo per cui Raivo ha voltato le spalle agli umani, accettando di trasformarsi nella creatura che guida gli eserciti dei demoni. Sa che lui, che il mondo adesso teme e chiama "il Traditore", è in realtà il primo a essere stato tradito, secoli prima, il giorno in cui una congiura di palazzo ha sterminato il suo popolo e ucciso la donna che amava. Quella donna identica a lei. Quella donna che lui non ha mai dimenticato. Per questo, adesso che ha perduto le tracce di Seija, è pronto a tutto per ritrovarla. Seija, nel frattempo, come un animale in gabbia, è tenuta lontana dai campi di battaglia, destinata a sposare il principe Lothar di Svevia e a ricompattare le fila degli umani. Ma forse le cose non sono come sembrano. Forse sia nell'alto consiglio degli umani sia in quello dei vaivar, agli ordini della terribile regina Ananta, ci sono forze che cospirano di nuovo per il proprio potere personale, indifferenti all'esito della guerra. Mentre un'attrazione inesorabile come il destino spinge Seija e Raivo alla resa dei conti, tra nemici, amici, traditori, fantasmi del passato e incubi del presente, gli eserciti di uomini e demoni si preparano allo scontro più sanguinoso. Chi vedrà l'alba del nuovo millennio? Dopo avere incantato e appassionato i lettori con Seija arriva Raivo, il secondo e ultimo capitolo di "Millennio di fuoco", la straordinaria saga di amore e morte creata dalla penna magica di una delle più amate autrici di fantasy in Italia.

GENERE
Fantascienza e fantasy
PUBBLICATO
2014
September 16
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
456
EDITORE
Mondadori
DIMENSIONE
2.1
MB

Recensioni dei clienti

Igorm350gmail.com ,

SeijaRaivo

Semplicemente stupendo.
Accattivante, scritto benissimo, libro straordinario.

Giuly R ,

"Millennio di fuoco" avventura, fantasy ma non solo

Una lettura avvincente con un personaggio femminile che riserva delle sorprese.
Per apprezzare a pieno la storia, il dittico “Il Millennio di Fuoco“ va letto interamente e nell’ordine, “Seija” e “Raivo”, i due libri nell’insieme rappresentano un continuum narrativo che coinvolge il lettore nelle vicende di una storia epica di guerre e battaglie in cui i protagonisti, come eroi antichi, si ispirano ad alti ideali di libertà e nel finale, trionfano.
Apparentemente i due personaggi, Seija e Raivo non hanno niente in comune: lui è un mutante pluricentenario, è diventato una “macchina da guerra”, dopo che una misteriosa e sanguinaria regina aliena (Ananta) lo ha trasformato in un essere semibestiale; come tutti i personaggi più intriganti, Raivo presenta caratteri contraddittori: egli appare come un essere corrotto dalla violenza e contemporaneamente un puro, coltiva l’odio e la vendetta, uccide con crudeltà ma nello stesso tempo è leale e non mente mai; lei è una ragazza di poco più di vent’anni, della tribù nordica dei Saahavi, combatte perché nella sua tribù è tradizione che anche le ragazze (soprattutto se, come lei, sono figlie del capo-clan), contribuiscano alla difesa dell’autonomia e dell’identità del proprio popolo.
Per una straordinaria coincidenza Seija ha un aspetto identico a quello di una donna che Raivo ha amato e perduto in circostanze drammatiche, quando ancora era completamente umano.
Questa rivelazione crea nel lettore una forte aspettativa nei confronti di un legame incredibile che, con abilità narrativa, la scrittrice invita a scoprire, proseguendo la lettura della storia.
In uno sfondo fantasy-gotico di un medioevo senza tempo, alla storia di guerra e trame politiche, si intreccia una improbabile storia d’amore in cui, a poco a poco, i personaggi escono dallo stereotipo del genere letterario in cui si sono generati ed assumono una personalità autonoma.
A ben guardare, però, la sola protagonista, il personaggio più interessante del dittico è Seija.
Essa inizialmente agisce per senso del dovere, cerca di inserirsi in un gioco giocato da altri rispettandone le regole non scritte, si piega alla ragion di Stato e fa ciò che ci si aspetta da lei come figlia di un capo-clan.
Attraverso esperienze forti, spesso drammatiche e violente, Seija cresce e acquista consapevolezza di sé, comprende quali sono i suoi veri desideri.
Seija quindi non è affatto un personaggio antico che affronta con coraggio monolitico la sorte avversa, non è un personaggio romantico che affronta la morte con slancio eroico, non è un personaggio fragile e inetto che subisce il suo tempo: è finalmente un personaggio attuale, che propone un ideale femminile maturo e positivo.
Seija è un personaggio femminile positivo in quanto, non è un eroina perché si adegua ad ideali maschili e combatte come un uomo ma si afferma prima di tutto come persona, riesce a conquistarsi il rispetto di chi la vuole proteggere perché la considera fragile, di chi vorrebbe guidarne le scelte perché la ritiene manovrabile in quanto donna, di chi vorrebbe dominarne la volontà perché abituato ad usare la violenza per farsi obbedire, è una giovane che alla fine, si ricava un suo spazio nella vita conciliando tutto, pressioni sociali e famigliari, desideri e aspirazioni personali; a noi piace pensare che ciò sia realizzabile, non solo in letteratura.
“Seija” e “Raivo”, al di là delle riflessioni, sono due libri da leggere tutti d’un fiato in tempi ravvicinati, gustandosi la storia lasciandosi trasportare dal ritmo del racconto e dai sapienti, dosati, colpi di scena.

Picenin ,

Appassionante

Bella storia, più appassionante del primo libro; con questo Raivo ho tirato spesso ore piccole la notte!

Altri libri di Cecilia Randall