• 11,99 €

Descrizione dell’editore

La storia del Monopoly che conosciamo inizia negli anni della Grande Depressione quando un disoccupato di nome Charles Darrow si presenta alla Parker Brothers e vende quello che diventerà il gioco da tavolo più famoso e diffuso a livello planetario. Darrow si libera dalla povertà e risolleva indirettamente le sorti della Parker Brothers, a quel tempo sull’orlo del collasso fi nanziario. La storia vera, però, è un po’ diversa. Comincia più di trent’anni prima. Alle origini di Monopoly c’è una donna: Elizabeth Magie Phillips detta Lizzie e il suo Landlord’s game, ideato come uno strumento didattico per istruire la gente sui pericoli dei monopoli. La vera differenza tra il suo gioco e quello di Darrow era lo spirito: progressista il primo, capitalista l’altro.
George Parker acquista comunque da Lizzie i diritti del Landlord’s game per cinquecento dollari e senza royalty. Lei si illude che il gioco, brevettato trent’anni prima, potrà essere pubblicizzato e distribuito su vastissima scala. E che potrà diffondersi il messaggio politico: «Lo scopo del gioco non è solo divertire, ma mostrare come, con le leggi vigenti, i proprietari terrieri siano privilegiati rispetto agli altri imprenditori », così raccontava ai giornali dell’epoca.
Anche se non vi piacesse giocare a Monopoly, vi piacerà leggerne la storia. Affascinante come una detective story.

GENERE
Affari e finanze personali
PUBBLICATO
2015
2 ottobre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
304
EDITORE
Egea
DIMENSIONE
11.9
MB

Altri libri di Mary Pilon