• 2,99 €

Descrizione dell’editore

Nola, 11 settembre 1943. Dopo l’armistizio dell’8 settembre i nazisti, fino ad allora alleati e amici del regime mussoliniano, diventano improvvisamente nemici e occupanti.
A Nola si svolge una delle pagine più drammatiche di quei convulsi e confusi giorni. Una guarnigione italiana viene disarmata con l’inganno e posta sotto la minaccia delle armi. Gli ufficiali sono in fila davanti al muro di cinta, sono loro i prescelti che dovranno pagare per la morte, avvenuta il 10 settembre al termine di uno scontro a fuoco, d’un ufficiale tedesco. Tra gli italiani al muro c’è il padre dell’autore di questo libro, che sarebbe nato sei mesi dopo la strage di Nola.
Questo libro è la cronaca di quell’eccidio e da quell’eccidio. È la cronaca vista dall’esterno, il racconto storico di quei giorni e di quei morti. Ed è la cronaca dall’interno di quelle anime mandate al macello dalla crudeltà degli occupanti e dalla pochezza di chi a quel tempo governava l’Italia. Ma è, questo libro, anche un immenso atto d’amore di un bambino verso i suoi genitori persi per sempre e di un cittadino nel nome della verità. Al di fuori di ogni propaganda. Un libro da leggere e da amare, di sangue e di poesia, di dolore e di ottimismo: questo ci consegna Alberto Liguoro.

GENERE
Storia
PUBBLICATO
2013
5 settembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
160
EDITORE
Infinito Edizioni
DIMENSIONE
687.3
KB