Non possiamo non dirci non violenti

Dialoghetto intergenerazionale su un tema cruciale del nostro agire pubblico

    • 6,99 €
    • 6,99 €

Descrizione dell’editore

Cos’è la nonviolenza? Una proposta politica? Una scelta di vita? Un modo creativo di gestire i conflitti, una testimonianza? Se sono numerosi i casi di nonviolenza “vincente”, capaci di andare controcorrente e di “risparmiare il sangue”, difficilmente i tanti eroi della resistenza senz’armi del Novecento si vedranno riconoscere l’onore di una statua. La pratica resa famosa da Gandhi rimane però una corrente sotterranea che – affiorando già negli anni Sessanta per essere rilanciata dalla rivoluzione femminista – confluisce oggi nelle forme di “un mondo possibile”: una concezione diversa della politica, per costruire un’altra società dentro di questa. Su questi temi cruciali si confrontano due generazioni: La Porta e Cirese, chi viene dal Sessantotto e dalla violenza “emancipativa” di Sartre e Fanon e chi, nato alla fine degli anni Ottanta, è cresciuto vedendo al telegiornale gli orrori della guerra jugoslava e della violenza del terrorismo internazionale. Una difesa della nonviolenza che, sia pure con i necessari distinguo, è oggi urgente più che mai, perché ci ricorda che c’è sempre un’alternativa.

GENERE
Saggistica
PUBBLICATO
2021
23 dicembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
76
EDITORE
Castelvecchi
DIMENSIONE
868,6
KB

Altri libri di Filippo La Porta & Luca Cirese

2019
2021
2022
2021
2018
2017