• 5,99 €

Descrizione dell’editore

Ingegnere, impiegato presso la FIAT dal 1989, Vincenzo Russo è partito due anni fa per il Brasile, a Belo Horizonte, per andare a lavorare in un'azienda italiana "poiché nell'Italia in crisi niente più é garantito". Rimangono a Torino la moglie, impegnata in un lavoro di responsabilità, e la figlia ancora piccola.

Nelle pagine di questo libro, raccontato con delicatezza e passione, il Brasile appare quella terra di contraddizioni che attraversa un periodo importante della sua storia. La povertà, il disagio delle persone che vivono con difficoltà giorno per giorno non impedisce a nessuno di sperare in un futuro migliore.

Nel racconto come fili di colori differenti in una tessitura, si inseriscono momenti di riflessione sulla natura umana e il destino. Russo riporta per intero un'interessante intervista televisiva a Dilma Roussef, presidente del Brasile.

Emergono inesorabilmente le difficoltà di conciliare esigenze e stimoli nuovi alle vecchie abitudini famigliari che lentamente si deteriorano. Russo racconta questa vicenda complessa senza rivelare interamente e fino all'ultimo azioni, errori e ragioni dei protagonisti; fino alla confessione finale, inattesa anche se inconsciamente prevista dall'inizio.

GENERE
Saggistica
PUBBLICATO
2014
20 febbraio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
264
EDITORE
Mnamon
DIMENSIONE
5.2
MB

Altri libri di Vincenzo Russo