Opere

    • 9,99 €
    • 9,99 €

Descrizione dell’editore

Tacito, storico romano vissuto probabilmente tra il 55 d.C. ca. e il 120 d.C. ca., è uno degli storici antichi più autorevoli. Nelle sue opere maggiori, gli Annales e le Historiae, illustra la storia dell'Impero romano dalla morte dell'imperatore Augusto, nel 14 d.C., fino alla guerra giudaica di Tito, nel 70. Oltre a queste, il corpus tacitiano comprende altre tre opere letterarie, giunte a noi quasi integre: il De vita Iulii Agricolae, il De origine et situ Germanorum e il Dialogus de oratoribus, quest'ultimo di non certa attribuzione. Tutta l'opera di Tacito è segnata da un'acuta e dolorosa consapevolezza delle contraddizioni della politica e della morale dell'Impero post-augusteo, che trova il suo contrappunto in una nuova e singolare attenzione per le forze barbariche poste al di fuori del dominio romano. Le sue storie appaiono dominate da personaggi e scene di tragica potenza, descritti attraverso un'amara e lucida analisi psicologica. L'edizione critica del suo lavoro oggi è disponibile tradotta in italiano anche in versione digitale, corredata di note critiche accessibili ipertestualmente.

GENERE
Narrativa e letteratura
PUBBLICATO
2013
15 maggio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
1.576
EDITORE
UTET
DIMENSIONE
9,8
MB

Altri libri di Tacito

2017
2015
2021
2015
2014
2013

Altri hanno acquistato

2013
2013
2013
2013
2010
2017