Racconti da un paese che non c'‪è‬

    • 9,99 €
    • 9,99 €

Descrizione dell’editore

Il paese che non c’è è la Polonia: il Regno di Polonia tramutato in un anonimo “Territorio della Vistola”. Dopo il fallimento nel 1863 dell’ultima insurrezione antirussa del secolo, la Polonia è inglobata nell’immenso territorio che dalla Germania giunge al Mare Artico; l’amministrazione dello Stato è interdetta ai polacchi, la russificazione e la censura gravano su scuole, stampa ed editoria. A ciò si aggiunge il generale sconvolgimento socio-antropologico provocato dallo sviluppo tumultuoso del capitalismo: i nobili fondiari, ceto un tempo dominante, sono costretti a cercare lavoro in città così come i loro contadini; industria e commercio sono per lo più gestiti da tedeschi ed ebrei; nasce il proletariato e cresce il ruolo di banche e mercato finanziario. All’interno della cultura e della società di questo paese si staglia la figura di Bolesław Prus, visionario sui generis, i cui racconti e romanzi, oltre a offrire uno spaccato realistico - ma anche umoristico - delle contraddizioni socio-economiche, mostrano la complessa evoluzione psicologica e letteraria di uno dei più grandi scrittori polacchi.

GENERE
Storia
PUBBLICATO
2020
27 agosto
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
272
EDITORE
Marsilio
DIMENSIONE
1,6
MB

Altri libri di Bolesław Prus

2022
2021
2020
2020
2020
2020