• 7,99 €

Descrizione dell’editore

«Siate creativi!» – che a pronunciare queste parole siano designer, stilisti, politici o manager, poco importa: nell’ultimo decennio gli appelli alla creatività sono diventati un mantra dell’industria culturale e della startup culture. Nell’epoca della creatività diffusa, questa qualità sembra sempre più legata all’idea di un brillante successo individuale. Ma è tutto qua? Perché è necessario Rompere le regole? Se il latino regula (riga, asticella) rimanda a un’idea di dirittura, di “retta via”, i sei saggi proposti in questo libro raccontano per contrasto l’essenza della deviazione, lo scarto dalle consuetudini tracciate, la sfida impertinente. In sei modi diversissimi fra loro. Nella sua breve storia della resilienza, Marco Belpoliti mostra come sia proprio nelle situazioni più difficili che gli esseri umani scoprono dentro di sé risorse impensate. Giovanni De Luna ricostruisce la forza tellurica di un Sessantotto all’insegna della disobbedienza, che ha cambiato per sempre il nostro modo di pensare la giovinezza. Nadia Fusini ci porta nella Londra di primo Novecento, che assiste scandalizzata alle sperimentazioni artistiche ed esistenziali di Virginia Woolf e degli artisti di Bloomsbury. Con Nicola Gardini scopriamo che nella Grecia antica i creativi non erano gli artisti ma i filosofi, e che spesso era considerato ripugnante ciò che per noi è un trionfo della fantasia. Fabrizio Gifuni racconta il potere della parola umana, che trasforma in arte i vissuti più brutali, e attraverso i corpi degli attori compie miracolose trasmutazioni. Infine, Francesca Rigotti punta la lente su due età della vita, maternità e vecchiaia, ritenute da molti, a torto, la tomba della creatività. Rompere le regole non significa però distruggere la tradizione. Tutt’altro: come insegna la pratica giapponese del kintsugi, è possibile ricomporre i frantumi esaltando con l’oro le fratture e i segni del tempo, creando così una nuova, sorprendente armonia.

Interventi nel libro:

Marco Belpoliti
La resilienza come atto creativo: fare di più con meno

Giovanni De Luna
1968: l’anno della disobbedienza?

Nadia Fusini
Virginia Woolf e Bloomsbury, una rivoluzione creativa

Nicola Gardini
Il centauro femmina. Per un vocabolario classico della creatività

Fabrizio Gifuni
La voce umana è un miracolo. Il corpo della scrittura dalla letteratura al teatro

Francesca Rigotti
Età e tempo della creatività

GENERE
Non-fiction
PUBBLICATO
2019
22 gennaio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
144
EDITORE
UTET
DIMENSIONE
539.1
KB

Altri libri di Marco Belpoliti, Giovanni De Luna, Nadia Fusini, Nicola Gardini, Fabrizio Gifuni & Francesca Rigotti