Descrizione dell’editore

La Galleria Robilant+Voena, dopo il rilancio internazionale di alcune figure cardine dell'arte italiana degli anni '60 e '70 recupera con la mostra MITOMACCHINA 1966–1979 la centralità di Sergio Sarri (Torino, 1938) tra i figurativi della sua epoca.

L'eBook che accompagna il catalogo cartaceo, con una presentazione di Luca Beatrice, permette di apprezzare la vividezza cromatica, la traccia grafica e la qualità delle opere di un artista che rimane per scelta pienamente figurativo nonostante l'imperante spinta dell'Arte Povera e Concettuale coeva ai suoi esordi. La sua produzione è influenzata, dopo il primo viaggio negli Stati Uniti nel 1965, dalla Pop Art americana che viene tuttavia contaminata e superata da un lavoro in cui la narrazione viene completamente sgretolata in un'armonia di corpi e macchinari, e in una specie di collage mentale fatto di citazioni che denotano una profonda premeditazione.

La mostra pone l'accento sulla centralità del rapporto tra uomo e macchina, negli anni dell'epocale svolta tecnologica che, senza possibilità di ritorno, cambierà per sempre la condizione umana. 

“Per freddi che possano apparire i miei lavori, mi accorgo che contengono sempre una carica che io chiamo romantica”, con queste parole Sarri ci fa intendere come la sua enigmatica e sottile analisi sia in realtà una profonda riflessione sull'uomo del nostro tempo.

GENERE
Arte e intrattenimento
PUBBLICATO
2017
2 febbraio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
78
EDITORE
Alveare d'Oro
DIMENSIONE
35.5
MB

Altri libri di Robilant+Voena Alveare d'Oro