• 12,99 €

Descrizione dell’editore

Quando il figlio di Joe «Jellybean» Bryant arrivò nella Nba, a diciott’anni, molti pensavano che fosse ancora acerbo, se non addirittura un bluff: un ragazzino viziato che voleva scimmiottare Jordan e usurparne lo scettro. Per qualcuno invece era l’erede designato. Ai playoff, al termine di quella prima stagione, il ragazzino scagliò quattro tiri maldestri e trascinò i suoi Lakers nel baratro. Fu il primo esame dell’educazione cestistica di Kobe Bryant, e da allora le critiche non lo avrebbero più abbandonato. Dicevano che tirava troppo, che non giocava per la squadra, che era un «corpo estraneo». Eppure Bryant ha saputo costruirsi una carriera stellare, giocando vent’anni con la stessa maglia, segnando 81 punti in una sola partita, vincendo cinque anelli e due ori olimpici. E col tempo ha dimostrato di essere «l’agonista più compulsivo nella storia del basket», disposto a fare il vuoto attorno a sé pur di conquistare il trono della Nba. Con la consueta eleganza, intrecciando statistiche, cronache sportive e interviste, Roland Lazenby ci offre un nuovo ritratto in chiaroscuro di un campione unico – scomparso troppo presto in un tragico incidente insieme alla figlia Gianna –, raccontandoci le prodezze sul campo e gli enigmi dell’uomo: i conflitti con i genitori, il rapporto con la moglie, le accuse di violenza sessuale. Senza dimenticare la saga dei Lakers e le lotte per il potere tra Bryant e Shaquille O’Neal, che chiamava il rivale «Showboat» per irridere le sue smanie di protagonismo. Kobe preferiva «Black Mamba», come il rettile feroce di «Kill Bill»,

GENERE
Sport e vita all'aperto
PUBBLICATO
2017
16 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
990
EDITORE
66THAND2ND
DIMENSIONE
5.7
MB

Altri libri di Roland Lazenby

Altri libri di questa serie