• 16,99 €

Descrizione dell’editore

«Alla radice del collasso dell’Occidente c’è una crisi culturale e identitaria. L’Occidente non sa più chi è, perché non sa più e non vuole più sapere chi l’ha creato, chi l’ha plasmato, com’era e com’è. Oggi, molti Paesi ignorano la propria storia. Questo soffocarsi conduce naturalmente a una decadenza che apre la strada a nuove civiltà di barbari».
Queste parole del cardinale Robert Sarah costituiscono il fil rouge su cui si dipanano le sue nuove conversazioni con Nicolas Diat.
Il suo giudizio è chiaro: il mondo è sul ciglio di un precipizio. La crisi della fede e della Chiesa, il declino dell’Occidente, il tradimento delle sue élite, il relativismo morale, la globalizzazione senza regole, il capitalismo sfrenato, le nuove ideologie, la politica che arranca, le derive di un totalitarismo islamista… È giunto il tempo di una diagnosi che non conceda attenuanti.
Nell’analisi a tutto tondo dei grandi sconvolgimenti della nostra epoca, il cardinal Sarah ci invita a prendere coscienza della gravità della crisi che stiamo attraversando, mostrandoci come sia ancora possibile evitare l’inferno di un mondo senza Dio, di un mondo senza l’uomo, di un mondo senza speranza.
Una riflessione ambiziosa, potente, ormai ineludibile nella quale il cardinale affronta senza riserve la crisi del mondo contemporaneo, donandoci ancora una volta una preziosa lezione di vita e di spiritualità.

GENERE
Religione e spiritualità
PUBBLICATO
2019
23 settembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
400
EDITORE
Edizioni Cantagalli
DIMENSIONE
1.2
MB

Altri libri di Robert Sarah & Nicolas Diat