• 9,99 €

Descrizione dell’editore

Con il 1989 è tramontato il vecchio capitalismo disciplinato dalla potenza degli stati nazionali e dal sistema welfaristico conquistato dalle lotte di classe. Al suo posto si è affermato il capitalismo liquido e finanziario della new economy. La classe borghese e quella proletaria, una volta in conflitto tra loro, sono precipitate nell’abisso e costituiscono la struttura fondamentale della nuova classe dominata: il precariato, composto da una moltitudine di atomi sradicati e senza identità, migranti, senza coscienza di classe e costretti all’erranza nell’open space del mercato mondiale deregolamentato.
Un precariato lavorativo ed esistenziale: il nuovo paradigma non tollera alcuna forma di stabilità e di etica comunitaria. La nuova classe dominante, un’aristocrazia finanziaria apolide, sta annientando uno dopo l’altro tutti i vecchi fondamenti del mondo proletario e borghese: dalla famiglia al lavoro garantito, dai diritti sociali alla cittadinanza.
È questo il teatro del nuovo conflitto di classe nel quadro della mondializzazione: uno scenario “tremendo, ma non irrimediabile.”

GENERE
Non-fiction
PUBBLICATO
2018
11 aprile
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
655
EDITORE
Bompiani
DIMENSIONE
2.5
MB

Altri libri di Diego Fusaro