• 0,99 €

Descrizione dell’editore

Il santo che difese dallo spietato fisco romano. Una biografia di estrema attualità!

Perché sono state dedicate quattromila chiese a lui in Francia, e il suo nome dato a migliaia di paesi e villaggi? Anche in Italia e in altre parti d’Europa e nelle Americhe Martino è un santo sovranazionale. Forse tanto amore popolare gli deriva dal fatto che difese i poveri dalla voracità del fisco romano. Nasce in Pannonia (che si chiamerà poi Ungheria) da una famiglia pagana e viene istruito nella dottrina cristiana da ragazzo, senza però ricevere il battesimo. Figlio di un ufficiale dell’esercito romano, si arruola anch'egli nella cavalleria imperiale e presta servizio in Gallia. È in quest’epoca che si colloca il famoso episodio di Martino a cavallo che con la spada taglia in due il proprio mantello e lo offre a un mendicante infreddolito. Lasciato l’esercito nel 356, raggiunge a Poitiers il dotto e combattivo vescovo Ilario conosciuto pochi anni prima. Martino ha già ricevuto il battesimo (probabilmente ad Amiens) e Ilario lo ordina esorcista: un passo sulla via del sacerdozio. Per la sua posizione di prima fila nella lotta all’arianesimo, che aveva il sostegno della Corte, il vescovo Ilario viene esiliato in Frigia (Asia Minore); e quanto a Martino si fatica a seguirne la mobilità e l’attivismo, anche perché non tutte le notizie sono ben certe. Fa probabilmente un viaggio in Pannonia, e verso il 356 passa anche per Milano. Più tardi lo troviamo in solitudine alla Gallinaria, un isolotto roccioso davanti ad Albenga, già rifugio di cristiani al tempo delle persecuzioni. Di qui Martino torna poi in Gallia, dove riceve il sacerdozio dal vescovo Ilario, rimpatriato nel 360 dal suo esilio. Un anno dopo fonda a Ligugé (a dodici chilometri da Poitiers) una comunità di asceti, che è considerata il primo monastero databile in Europa. Nel 371 viene eletto vescovo di Tours. Per qualche tempo, tuttavia, risiede nell’altro monastero da lui fondato a quattro chilometri dalla città, e chiamato Marmoutier. Di qui intraprende la sua missione, ultraventennale azione per cristianizzare le campagne: per esse Cristo è ancora "il Dio che si adora nelle città". Non ha la cultura di Ilario, e un po’ rimane il soldato sbrigativo che era, come quando abbatte edifici e simboli dei culti pagani, ispirando più risentimenti che adesioni. Ma l’evangelizzazione riesce perché l’impetuoso vescovo si fa protettore dei poveri contro lo spietato fisco romano, promuove la giustizia tra deboli e potenti. Con lui le plebi rurali rialzano la testa. Sapere che c’è lui fa coraggio. Questo spiega l’enorme popolarità in vita e la crescente venerazione successiva. Quando muore a Candes, verso la mezzanotte di una domenica, si disputano il corpo gli abitanti di Poitiers e quelli di Tours. Questi ultimi, di notte, lo portano poi nella loro città per via d’acqua, lungo i fiumi Vienne e Loire. La sua festa si celebrerà nell’anniversario della sepoltura, e la cittadina di Candes si chiamerà Candes-Saint-Martin.

GENERE
Biografie e memorie
PUBBLICATO
2013
11 novembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
25
EDITORE
Fede & Cultura
DIMENSIONE
437.9
KB