• 3,49 €

Descrizione dell’editore

As we friends and poets were celebrating via email our third publication of poems [the Anthology of Poetry "Scattering Dreams & Tales"], our senior editor, Fabrizio Frosini of Florence, Italy, suggested a wonderful gambit: each of us would give him one of our poems which he would translate into Italian, and we would have a book in another language.
Why are we doing this? To celebrate speech, to extol language, to emphasize the wonder and beauty of language as well as its utility. As we see Fabrizio's translations of our poems appear magically and gorgeously attired in the noble tongue of Dante, Petrarch, Ariosto, Leopardi. Montale, Ungaretti, Quasimodo, and countless other renowned poets, blessed by the Muse, we see our words transformed by the musicality of Italian into something new, both startlingly strange and yet also curiously familiar.
Such is the wonder of language, that tremendous invention of humanity that creates our cultures, sustains our lives, and both separates and unifies us. We poets who speak the languages of the world are committed to the unifying aspects of language, poetry and the internet.
Our title, WE ARE THE WORDS, affirms both our pride and our humility. We poets know we can select words and put them into exact patterns of beauty and meaning. That is the nature of our pride. We also realize that language itself is much bigger than we are, much older than our momentary existence, and will thrive long after we are gone. That is the source of our humility.
~*~
Nel mentre tutti noi, poeti amici, festeggiavamo via e-mail la nostra terza pubblicazione (l'Antologia poetica "Scattering Dreams & Tales"), il nostro "capo–redattore", Fabrizio Frosini – da Firenze, in Italia– ha suggerito un'interessante ulteriore sviluppo: una poesia da parte di ciascuno di noi che egli avrebbe tradotto nella sua lingua, così da avere un nuovo e-book, bilingue: le nostre poesie in Inglese più il testo Italiano a fronte.
Perché farlo? Per celebrare la Parola, esaltare il Linguaggio, sottolineare il prodigio e la bellezza del linguaggio e la sua utilità.
Nel vedere le nostre poesie, nella traduzione di Fabrizio, apparire magicamente e splendidamente abbigliate nella nobile lingua di Dante, Petrarca, Ariosto, Leopardi, Montale, Ungaretti, Quasimodo, e innumerevoli altri poeti benedetti dalla Musa, apprezziamo come le nostre parole vengano trasformate dalla musicalità della lingua italiana in qualcosa di nuovo, che è insieme sorprendentemente strano ma anche stranamente familiare. Tale è la meraviglia del linguaggio, questa tremenda invenzione dell'umanità che crea le nostre culture, sostiene la nostra vita, ed allo stesso tempo ci separa e ci unifica. E noi, poeti che parlano le lingue del mondo, dedichiamo noi stessi agli aspetti unificanti di Linguaggio, Poesia e Internet.
Il titolo del libro, "SIAMO PAROLE", afferma sia il nostro orgoglio che la nostra umiltà. Noi poeti sappiamo selezionare le parole ed inserirle in esatti modelli dotati di bellezza estetica e di significanza. Questa è la natura del nostro orgoglio. Al contempo, ci rendiamo conto che il linguaggio stesso è molto più grande di noi e molto più antico delle nostre transitorie esistenze: il linguaggio prospererà per molto, molto tempo anche dopo di noi. Questa è la fonte della nostra umiltà.

GENERE
Fiction e letteratura
PUBBLICATO
2015
11 giugno
LINGUA
EN
Inglese
PAGINE
46
EDITORE
Fabrizio Frosini
DIMENSIONE
173.9
KB

Altri libri di Fabrizio Frosini, Daniel Brick, Leah Ayliffe, lawrence beck, dilantha gunawardana, Simone Inez Harriman, Diane Hine, Galina Italyanskaya, Mallika Menon, maia padua, mihaela pirjol, Abby Sze & Niken Kusuma Wardani

Altri libri di questa serie