La statizzazione dell’uomo

    • S/ 6.90
    • S/ 6.90

Descripción editorial

In questi due scritti (che appartengono alla fase conclusiva dell’esistenza di Wilhelm Röpke, economista tedesco di nascita e svizzero di adozione) viene offerta una riflessione assai acuta sulle implicazioni morali e culturali della società libera e dell’economia di mercato.


Mentre negli anni scorsi ci si è spesso riferiti a questo studioso per giustificare varie forme d’interventismo e regolazione pubblica, un’attenta lettura di tali scritti può permettere di cogliere appieno il senso di quella che Röpke stesso volle definire la sua “terza via”, che non si collocava certo tra il socialismo e il liberalismo ma che, al contrario, rappresentava il miglior modo d’intendere il neo-liberalismo di cui egli era interprete.


I due testi – non a caso – includono una critica molto netta di quei moralisti che ignorano ogni questione economica e sociale e, al tempo stesso, dell’economicismo superficiale di troppi positivisti. Difensore del profitto e fiero nemico dell’inflazione, Roepke esce da queste pagine come un liberale assai coerente, che si sforza costantemente di ricondurre la teoria della libertà alle sue ragioni spirituali.

GÉNERO
No ficción
PUBLICADO
2013
10 de junio
IDIOMA
IT
Italiano
EXTENSIÓN
48
Páginas
EDITORIAL
IBL Libri
VENTAS
IBL LIBRI SRL
TAMAÑO
113.5
KB

Más libros de Wilhelm Röpke

Otros libros de esta serie

2013
2013
2013
2013
2013
2013