• $4.99

Descrizione dell’editore

Elisa è una sgobbona decisa a dimostrare a tutti quanto vale una ragazza di provincia. Manuel ha il potere, ma sogna la sottomissione. Marco è determinato a salire in vetta, Giulio, invece, scalerebbe solo le gambe di Monica. Monica, però, un uomo ce l’ha già, anche se gli preferisce di gran lunga una revisione di bilancio. E Marzia, la nuova arrivata, fa da contraltare ad Arianna, la prediletta.

In una multinazionale leader nei servizi professionali per le imprese, dove imperano l’efficienza e la velocità, i dipendenti, metodicamente divisi secondo una scala gerarchica, lottano quotidianamente per rincorrere un pareggio, cercando di far quadrare i conti che non tornano. C’è chi trucca il bilancio, chi prova a sistemarlo gonfiando entrate e uscite, chi lo sopporta concedendosi qualche sfizio, chi non ha paura di ribaltarlo completamente. E nel calcolo di queste cifre nessuna vita resta illesa, investita dal carico di lavoro imposto dalla società. 

E se agli junior, gli ultimi della scala gerarchica, neolaureati disillusi che rincorrono il sogno della carriera, poco o nulla viene concesso, ai master, il primo grado dell’organigramma, viene invece data la possibilità di soddisfare i propri vizi.

In un circolo vizioso fatto di calcoli, di report, di riunioni, di progetti da chiudere, gli junior si sottomettono al volere dei loro superiori lasciando da parte la propria umanità e facendosi risucchiare dallo spirito aziendale. E in questo vortice c’è chi si lascia trascinare, chi governa la spirale senza rendersi conto di esserne lei stessa una vittima, chi ne intuisce il potere distruttivo. 

Un testo di grande impatto sociale che non ha paura di svelare, attraverso estremizzazioni non necessariamente irreali, i lati oscuri delle grandi multinazionali dove, troppo spesso, il dovere del lavoratore si intreccia all’ambizione dell’essere umano in una danza di Eros e Thanatos.

Lucido, impertinente, erotico, fantasiosamente realistico Il piano dei conti denuncia, senza paura di cadere in eccessi, il perverso mondo del lavoro aziendale ispirato da tutte quelle imprese che antepongono il proprio profitto all’umanità del dipendente. 


Melania Mieli  è lo pseudonimo di una blogger e scrittrice italiana nata nel 1983. Il suo sito, melaniamieli.com, è uno spazio di confronto con artiste e artisti indipendenti, dove sono approfondite tematiche inerenti la letteratura contemporanea, la sessualità e i femminismi. Esordisce nel 2015 con Il Tredicesimo Periodo pubblicato da Lettere Animate. A Novembre 2018 ha partecipato al progetto Le parole sono importanti, antologia “di resilienza semantica” curata da Dots Edizioni. Dal 2015 al 2016 ha raccontato sul web le vicende dei dipendenti della Firm, e da tale esperienza è nato Il Piano dei Conti, il suo secondo romanzo.

GENERE
Fiction e letteratura
PUBBLICATO
2019
21 marzo
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
155
EDITORE
InKnot Edizioni
DISTRIBUTORE
INKNOT S.R.L.S.
DIMENSIONE
696.1
KB