• $10.99

Publisher Description

«Non conosco una storia di questo grande paese scritta meglio.»
Philip Pullman

«Un libro eccellente… pieno di senso dell’umorismo, e con grande attenzione alle somiglianze tra passato e presente.»
The Spectator

«Una lettura obbligata.»
The Economist

«Spaventosamente necessario.»
The Observer

Davanti alle nuove ondate di populismo che minacciano l’Occidente, la Germania sembra essere rimasta l’ultima roccaforte a difesa della prosperità europea e dei valori civili su cui si basa la nostra società. È davvero così? Oppure l’Unione europea e la moneta unica sono state e sono tuttora gli strumenti di una nuova egemonia tedesca, come da più parti si sente argomentare? James Hawes risponde a questo e a molti altri interrogativi ripercorrendo gli ultimi duemila anni del paese: risale alla conquista di Giulio Cesare nel 58 a.C. chiedendosi se le popolazioni germaniche hanno distrutto la cultura di Roma o l’hanno invece ereditata; si domanda com’è nata la Prussia e se Bismarck ha unificato o conquistato il paese; individua le radici del nazismo; e spiega in che modo la Germania è arrivata agli attuali livelli di ricchezza rinascendo dalle macerie della seconda guerra mondiale. Con verve narrativa e spiccato senso dell’umorismo, James Hawes racconta in modo irresistibile la storia del paese più ammirato e temuto d’Europa, il cui destino è decisivo anche per il nostro futuro.

GENRE
History
RELEASED
2019
March 7
LANGUAGE
IT
Italian
LENGTH
256
Pages
PUBLISHER
Garzanti
SELLER
Gruppo Editoriale Mauri Spagnol spa
SIZE
25.9
MB

More Books by James Hawes