• 7,99 €

Descrizione dell’editore

"C'era una pianta rigogliosa, che si espandeva verso il cielo con i suoi grandi rami e le sue foglie verdi come smeraldo: tutti venivano a guardarla, ad ammirarla. Aveva trovato il suo posto nel parco e quindi nel mondo: donava freschezza, pace, serenità a coloro che si affidavano alla sua ombra ristoratrice. Si sentiva apprezzata, appagata, contenta e anche buona e generosa. Quella era davvero la vita che voleva: non poteva desiderare niente di più. Si può immaginare lo sgomento della pianta, quando cominciò a percepire la presenza di piccole escrescenze sui suoi rami: venivano dal profondo del suo essere, ma non c'entravano niente con lei, con il suo mondo, con i suoi rami, con le sue foglie larghe e bellissime. Era malata? Alla pianta accadevano altre cose strane, mai successe prima. Da tutte le parti arrivano su quelle escrescenze sciami di insetti, pollini e un profumo mai sentito penetrava il suo spazio vitale. "Che cos'è quest'odore?" si domandava. "Quale essere è entrato dentro di me, chi sta invadendo il mio mondo?" Un disagio che la sconvolgeva sino alle radici. Non si sentiva più padrona di se stessa, della sua vita, e non le importava più nulla delle persone che andavano a riposarsi e a rifocillarsi alla sua ombra. Quei bubboni proprio non li sopportava, li riteneva estranei alla sua vita, alla sua essenza. Che cosa stava accadendo? Fioriva e non lo sapeva. Lottava contro la forza creativa che la abitava e che la stava facendo germogliare. Combatteva come un nemico il centro di se stessa, l'aroma, la fragranza, la bellezza della sua anima, del suo modo unico di essere nel mondo. Combatteva con tutte le sue forze l'unica cosa che conta nella vita: fiorire."

GENERE
Salute, mente e corpo
PUBBLICATO
2010
1 dicembre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
132
EDITORE
Mondadori
DIMENSIONE
490.7
KB

Recensioni dei clienti

Ivano de Spagna ,

L'unica cosa che conta

Se si riuscisse ad essere ciò che in realtà siamo...cercando naturalmente qual'è il nostro io reale e, non ciò che gli altri vogliono da noi, beh....allora avremmo raggiunto la felicità.

Altri libri di Raffaele Morelli