Divina Commedia. Inferno Divina Commedia. Inferno

Divina Commedia. Inferno

    • 29,99 €
    • 29,99 €

Descrizione dell’editore

Dante è innanzitutto custode della nostra memoria e garanzia della nostra identità. Fu il primo a pensare l’Italia come lingua, come nazione e come stato, e quindi pensarsi italiani significa pensare come Dante e con Dante. Se, per un’assurda ipotesi, Dante venisse cancellato dalla nostra storia, verrebbe meno il fondamento della nostra identità di Italiani. L’abbraccio di Virgilio e Sordello, nel VI del Purgatorio, è il simbolo di un legame che, al di là delle epoche, i luoghi e le ideologie, soggiace a tutte le differenze e a tutti i conflitti che pur separano, a volte dolorosamente, gli abitanti di questa penisola. Ma oltre che custode e garante del passato, Dante è anche proiezione di futuro, nel senso che la sua opera, così carica di visionaria progettualità, indica ai posteri, cioè a noi, valori e finalità che oggi appaiono non semplicemente nobili e virtuosi per il tempo che fu suo, ma validi, e forse addirittura necessari, per alimentare fiducia nel futuro non solo degli Italiani ma dell’umanità nel suo insieme, o, almeno, della civiltà della quale noi Italiani siamo partecipi, e quindi in un orizzonte molto più ampio del nostro stato-nazione. 

Vittima dei conflitti che insanguinavano Firenze alla fine del 200’ e costretto a un esilio che sarebbe durato tutta la vita, Dante immaginò la Commedia come una romanzesca corte di giustizia, cioè un tribunale, in cui l’innocenza e la colpevolezza degli esseri umani potessero essere sanzionate in modo definitivo e inappellabile. L’aldilà che il testo descrive, nel suo insieme, è metafora di una giustizia che svolge sul piano della finzione letteraria il compito che la politica non era più in grado di svolgere sul piano del reale. Esso è quindi stato inizialmente pensato per risarcire l’umanità (e l’autore dell’opera) di una giustizia che all’umanità è stata sottratta dal mostro che ne ha sviato il cammino: l’avidità, cioè la passione del denaro, che ha trasformato le sue guide, politiche e religiose, in lupi famelici e corrotti. La giustizia sarà utopicamente restaurata dal Poema, nel senso che nel suo universo romanzesco Dante darà finalmente “cuique suum”, cioè a ciascuno  il castigo e il premio che ha meritato.

GENERE
Narrativa e letteratura
PUBBLICATO
2021
19 ottobre
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
580
EDITORE
Edimedia
DIMENSIONE
8,4
MB

Altri libri di Dante Alighieri

La Divina Commedia di Dante: Inferno La Divina Commedia di Dante: Inferno
1321
Divina Commedia di Dante: Purgatorio Divina Commedia di Dante: Purgatorio
1321
La Divina Commedia di Dante: Paradiso La Divina Commedia di Dante: Paradiso
1321
La Divina Commedia La Divina Commedia
1473
La Divina Commedia di Dante: Purgatorio La Divina Commedia di Dante: Purgatorio
1321
Divine Comedy Divine Comedy
1321